Questo è il termine con cui vengono indicate le manovre praticate dal professionista (medico dentista o igienista dentale) per eliminare tutti i residui che nel corso del tempo si sono accumulati sui denti per via di abitudini sbagliate nell’igiene orale quotidiana.

Il normale spazzolamento dei denti non consente un’accurata pulizia delle superfici posteriore degli incisivi inferiori e degli spazi che si trovano tra un dente e l’altro (pareti dentali interprossimali). Per questo motivo in queste zone si accumulano rapidamente placca e tartaro che possono essere rimossi solo con una pulizia professionale.

Il tartaro e la placca causano l’infiammazione delle gengive, che può progredire fino a interessare i tessuti di sostegno del dente. In questo caso siamo in presenza della malattia parodontale, che si manifesta con gengive gonfie e sanguinanti, recessioni gengivali, mobilità dentale e in casi gravi porta addirittura alla perdita dei denti.

Per questo si consiglia di sottoporsi tre volte all’anno ad una seduta di pulizia dei denti.

Tutte le news
  • parodontite

Parodontite: sintomi e cure

La parodontite è una patologia particolarmente diffusa che colpisce una parte significativa della popolazione italiana. Gli effetti della parodontite possono essere molto gravi ed arrivare a danneggiare gravemente la dentatura nell’estetica e nella funzionalità. Si [...]

  • sbiancamento-denti

Lo sbiancamento dei denti

La recessione gengivale   La recessione gengivale è quella patologia anche nota come “gengive ritirate”.   La recessione gengivale è l'arretramento o lo spostamento delle gengive verso la radice del dente. Le conseguenze possono essere [...]